Categorie

Un pane da sfogliare e una storia da raccontare.

Ti racconto una storia, di passi in un prato stabile dove il frinire delle cicale sovrasta il fruscio degli steli scossi dai miei passi.

Di un vecchio fienile, il cui legno scaldato dal sole di fine estate, parla con scricchiolii sommessi. Narra di fatiche ed inverni rigidi ma anche di ballate ed amicizie con popoli vicini.

La mia voce, mentre racconto, danza sulla musica dei violini nati dai faggi rossi di questi boschi. La gente di qui li chiama “gli alberi che suonano” perché il loro legno è destinato ai migliori strumenti musicali.

Questa è una storia di montagna, di alpeggi e burro profumato, di mattine fresche e ruscelli incontaminati. È una storia racchiusa in un pane soffice, fatto di fette da sfogliare, come le pagine di un libro, al quale ho destinato questa storia da raccontare

Per fare questo pane mi sono ispirata alla tecnica del Pull Apart Bread, mi piaceva l’idea di un pane che si sfogliasse come un libro e che trattenesse tra le sue pieghe i sapori delle erbe aromatiche. Grazie al metodo Tang Zhong della lavorazione rimane sofficissimo per più giorni. 

Un pane da sfogliare 

Difficoltà   ALTA

Per uno stampo rettangolare da 30 cm.

Ingredienti:

Per il Tang Zhong

  • 125 ml acqua
  • 125 ml latte
  • 50 g farina 00 forte 

Per il pane 

  • 450 gr farina 1 
  • 25 ml acqua
  • 25 ml latte 
  • 60 gg burro
  • 2 uova intere
  • 20 g zucchero semolato
  • 10 g sale fino
  • 5 g lievito compresso 

Per la finitura 

  • 50 g burro morbido
  • 1 spicchio di aglio fresco 
  • Erba cipollina 
  • Timo
  • Origano

Istruzioni:

Qualche ora prima di panificare preparate il Tang Zhong stemperando la farina nei liquidi previsti facendo attenzione a non formare grumi. Portate la miscela a 65°C, ottenendo la gelificazione  dell’amido della farina. Coprite con della pellicola e lasciate raffreddare.

Mettete in planetaria la farina setacciata, il Tang Zhong, il latte dentro al quale avrete sciolto il lievito di birra, le uova. Azionate la planetaria utilizzando il gancio. Mentre l’impasto si incorda unite lo zucchero, il sale ad incordatura ed infine il burro a fiocchetti.

Quando avrete un panetto ben incordato e lucido, pirlate e mettetelo a lievitare coperto al riparo da correnti d’aria fino al raddoppio.

Riprendete l’impasto, delicatamente stendetelo a rettangolo e spalmatelo con il burro della farcitura, distribuite in maniera uniforme le erbe aromatiche e porzionate in rettangoli. Piegateli a libro ed inseriteli verticalmente nello stampo precedentemente imburrato ed infarinato. 

Coprite con della pellicola, lasciate raddoppiare di volume. 

Cuocete in modalità  statica a 190°C per i primi 15 minuti, per i successivi 30 minuti proseguite a 170°C.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram

La risposta da Instragram non aveva codice 200.

Seguimi anche su Instagram!

© 2018 Tutti i diritti riservati - Cioccolatolamponi.it - cioccolatolamponi@gmail.com